A MONTEFOSCHI IL PREMIO ELBA N°37

MontefoschiPORTOFERRAIO. “Le due ragazze con gli occhi verdi” (Rizzoli) di Giorgio Montefoschi è l’opera che si è aggiudicata la XXXVII Edizione del premio letterario internazionale“Isola d’Elba-Raffaello Brignetti”. Lo ha annunciato ieri mattina Alberto Brandani, presidente della giuria letteraria del premio, nel corso della  conferenza stampa svoltasi presso l’hotel Airone. Il romanzo ha ottenuto i maggiori consensi fra i rappresentanti della giuria letteraria e i giudici popolari rispetto ai due finalisti che sono stati “Quelli che ami non muoiono” (Bompiani) di Mario Fortunato e “Inverno alla Grand Central” di Lee Stringer . Giorgio Montefoschi,  presente ieri sera ai Vigilanti  alla consegna del premio, è dunque il successore di Jean Echenoz, il trionfatore del 2008 con il romanzo “Ravel” (Adelphi). Già vincitore del premio Strega nel 1994 con il  libro “La casa del padre”, Montefoschi ha scritto un grande romanzo d’amore ambientato nei quartieri bene  di Roma. Ha detto il presidente  Brandani, parlando dell’opera: «È un libro di notevole valore. Racconta la storia di una piccola borghesia romana  spalmata in quattro blocchi  temporali». I rimandi letterari sono evidenti; una specie di richiami analogici con Moravia e Cassola, pur restando, l’autore, fedele alla propria individualità. Marino Biondi, altro membro della giuria letteraria, ha aggiunto: «Il libro è un racconto di uno scrittore che vive a contatto con la terra urbana. Descrive fatti ed  Eventi che qui succedono.

È facile coglierci analogie con Rudyard Kipling (si veda “Kim”), con Vladimir Nabokov (“Lolita”) e Emily Bronte (“Cime tempestose”), tuttavia l’opera vincitrice è un romanzo d’amore, dove però la persona amata è assente ».Giuseppe Neri ha ribadito di trovarsi di fronte a un’opera letteraria sotto tutti gli aspetti. «Montefoschi – ha detto - è uno scrittore borghese che descrive la realtà con un certo senso critico che fu di Moravia, ma non è Moravia. È un affabulatore di storie le quali, però, sono sganciate dalla realtà storica. Nelle sue pagine non esiste alcun riferimento alle contingenze storiche del momento descritto; Montefoschi scrive della vita, ma non delle storia italiana». Un romanzo d’amore, ma anche di morte E, infine, Massimo Onofri ha ribadito il concetto di trovarsi di fronte a “pagine pressurizzate”, nel senso che le vicende narrate sono sì successe, ma non esiste la storia in cui collocarle. Ieri sera, ai Vigilanti, serata di gala condotta  da Gualtiero De Santi. A seguire il concerto di musica classica della “The Bass Gang Quartet”.

Luigi Cignoni (DA IL TIRRENO)

 
GLI AMORI DI MONTEFOSCHI EMOZIONANO IL CAFFE'
Disperati e Biondi al Caffè letterarioPORTOFERRAIO. "Un Montefoschi "barocco", dalle capacità di narratore eccezionali, che parla di amore e vicende della borghesia romana. Uno scrittore secondo solo a Moravia nel trattare ogni aspetto della vita della capitale. Ora è finalista del Premio Elba con  "Le due ragazze con gli occhi verdi" (Rizzoli)". Indicazioni fornite da Marino Biondi, membro della giuria del premio letterario internazionale intitolato alla memoria di Raffello Brignetti, nell'ultimo appuntamento del "Caffè letterario". Biondi, professore associato di «Storia della critica e della storiografia letteraria» nella Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze, è intervenuto in una Gran Guardia affollata di pubblico, presenti diversi giudici lettori, tra cui tre classi delle scuole superiori elbane. Il docente ha dato nuovamente prova delle sue conoscenze e della sua avvolgente capacità oratoria, facendo emergere gli aspetti salienti dell'opera finalista. "E' anche importante sottolineare il successo del "Caffè letterario"- ha detto Icilio Disparati, presidente del Comitato promotore del concorso, che ha presentato l'esperto- purtroppo Giorgio Montefoschi, vincitore del Premio Strega nel 1994 con il romanzo La casa del padre, non è potuto intervenire, ma il professor Biondi ci farà immergere totalmente in questo romanzo scritto con uno stile notevole". E il libro rivela una sorta di dramma del protagonista, Pietro, "ammalato" di sensibilità, di bontà e innocenza. "In questo mondo descritto dall'autore- ha sottolineato l'universitario-  non c'è spazio per chi vuol vivere in funzione dell'amore, in assenza di un vero amore. Infatti Pietro, addirittura morirà a 55 anni, per avere sovraccaricato di sentimenti il suo cuore. Montefoschi tratta ancora il romanzo in maniera classica, quasi ottocentesca, ma con grande abilità, ignorando le critiche che preferiscono l'avanguardia, ma la realtà è che oggi la letteratura è aperta a tutte le soluzioni di qualità. L'autore  racconta il nostro tempo, la vita con tutte le sue aspettative, i sensi di colpa che esplodono nei protagonisti, chiamati a vivere amori impossibili. Pietro, dopo una grande infatuazione da preadolescente per Laura, amerà quella donna quando ormai sarà sposata e pure, anni più tardi, sua figlia Maria. Si può azzardare- ha concluso Biondi - un'interpretazione filosofica per cui la vita non ha spazio in questa vita. Il protagonista soccombe senza mai essere stato veramente amato". Come al solito non sono mancati interventi nel dibattito seguito alla presentazione, tra cui quelli del membro della giuria letteraria Giorgio Barsotti e della professoressa Gisella Catuogno. Ora la parola passa alle giurie, quella tecnica e quella polare, per dare la sentenza finale e stabilire chi sarà il trionfatore dell'edizione 2009, tra i romanzi finalisti di Fortunato, Stringer e Montefoschi, tutti e tre fatti conoscere al pubblico elbano.
 
ULTIMO "CAFFE'" PER MONTEFOSCHI

PORTOFERRAIO. Ultimo appuntamento del "Caffè letterario" venerdì 29 alle 17,30, nei locali della Gran Guardia, ex Dogana, all'interno della porta medicea a mare, ora adibita a luogo di incontri culturali. Disperati ha invitato Marino Biondi, docente universitario a Firenze, a dire del terzo libro in concorso "Le due ragazze con gli occhi verdi" (Rizzoli), di Giorgio Montefoschi già finalista nel 2004 con "La sposa". Come gli altri due volumi già presentati, Montefoschi punta all'attribuzione del Premio Elba 2009, che verrà assegnato nella serata del 20 giugno prossimo, nella cerimonia fissata al teatro napoleonico dei Vigilanti di piazza Gramsci.

L'eros è protagonista del romanzo. Pietro e Laura si sono amati da ragazzi e si rivedono, casualmente, dopo vent'anni, e di nuovo scoppia una passione, anche se Laura è sposata e madre di due figli. Si rendono conto che stanno forzando le loro vite; i sensi di colpa e un evento drammatico chiudono definitivamente la vicenda. Ma dieci anni più tardi il destino si accanisce e Pietro incontra per caso Maria, la figlia maggiore di Laura. E’ la copia della madre e nascono allora attrazioni, sensi di colpa  e la situazione è davvero difficile.

 

Giorgio Montefoschi (1946) è uno dei maggiori scrittori italiani. tra i suoi romanzi "La casa del padre" (1994, Premio Strega), "Il segreto dell’estrema felicità" (2001), "La sposa" (2003) e "L’idea di perderti" (2006). (s.b)

Marino Biondi

Giuria letteraria Premio Elba

Marino BiondiMarino Biondi, membro della giuria del premio letterario internazionale Isola d'Elba,  è professore associato di «Storia della critica e della storiografia letteraria» nella Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. I suoi studi vertono su letteratura e cultura dell’Otto e Novecento. Fra i suoi libri, La provincia e la sua ombra. Uomini e luoghi del Novecento letterario (Vallecchi, 1984); Il sogno e altro. Note di letteratura e psicoanalisi (Gutenberg, 1988); Novecento. Storie e stili del romanzo in Italia (Festina Lente, 1991); La tradizione della città. Cultura e storia a Cesena e in Romagna nell’Otto e Novecento («Società di Studi Romagnoli», 1995); Renato Serra. Biografia dell’ultimo anno nel carteggio con Giuseppe De Robertis (Fara Editore, 1995); Fascismo e cultura. Letteratura arti e spettacolo di un Ventennio (Ponte alle Grazie, 1996); Critica e biografia (Fara Editore, 1997); Erudizione e letteratura («Società di studi Romagnoli», 1999); Prezzolini. Diario di un secolo (Centro di Cultura dell’Alto Adige, 2001); Firenze Novecento. Intellettuali mistici poeti (ivi, 2002); «Italiani e Stranieri. Indagini e letture (ivi, 2003); Romanzi nel tempo. Bilanci di fine secolo (ivi, 2004). Ha curato opere di Renato Serra; Daniello Bartoli, Malaparte, Moravia, Pratolini e Palazzeschi. Presso l’editore fiorentino Polistampa ha pubblicato 4 volumi: Fedele alla critica. Geno Pampaloni e la letteratura contemporanea (2000; cui è stato assegnato nel 2001 il «Fiorino d’oro» per la Saggistica); Scrittori e miti totalitari. Malaparte Pratolini Silone (2002); Scrittori e identità italiana (2004) e La cultura di Prezzolini (2005). Ultime pubblicazioni: La cultura cesenate dal Settecento al Novecento. Il tempo di Renato Serra (Ghigi, 2005); Serra a teatro (Il Ponte Vecchio, 2006); Le passioni del Novecento. Scrittori e critici a Firenze (Le Lettere, 2007). Nel maggio 2007 gli è stato assegnato il Premio Casentino per la Ricerca e la critica letteraria.

 
USCIRE DALTUNNEL DELL'EMARGINAZIONE CON LA SCRITTURA

Lee StringerPORTOFERRAIO. In archivio anche il secondo incontro alla Gran Guardia, con un altro libro finalista e Icilio Disparati intento a fare gli onori di casa come presidente del Comitato promotore del concorso letterario nato nel 1962, giunto alla XXXVII edizione. Di nuovo il giornalista e scrittore Giuseppe Neri è stato impegnato al "Caffè letterario", dopo l'appuntamento con Mario Fortunato,  per analizzare, insieme ai convenuti, un altro romanzo che si batte per la vittoria finale, quello dell'americano Lee Stringer,  autore di "Inverno alla Grand Central"(nottetempo).

Ieri, dopo l'introduzione del direttore dell'Apt Disperati, ha sottolineato il valore di un'opera-documento, scritta da un uomo che ha vissuto nel mondo dell'emarginazione, compiendo una discesa agli inferi con la tossicodipendenza, nel degrado estremo: un senzatetto. Un'autobiografia che colpisce, come pure lo stile schietto e immediato di scrittura che arriva di certo al cuore del lettore, che può scoprire come viene visto il mondo da chi vive al livello più basso della società. Neri, ha insistito sul fatto, che ha dello straordinario, di come Stringer abbia scoperto un giorno la scrittura e da ciò sia iniziato un cammino di resurrezione, tale da portarlo ad abbandonare i cunicoli sotterranei di New York, per giungere all'attività di scrittore affermato. "Dal ritrovamento casuale di una matita- ha detto Neri, membro della giuria letteraria del Premio Elba -  e dal provare ad usarla per dire di sé e di tutto ciò che gli accade, esplode il gusto della vita e alla droga chimica che uccide sostituisce uno stupefacente chiamato scrittura. E' l'inizio di una nuova vita".
(nella foto allegata Neri alla Gran Guardia)



Nota su Giuseppe Neri
Nato a Sant'Apollinare il 27.12.1936. Laureato in legge, scrittore e critico letterario, ha lavorato in Rai3 dove per quindici anni ha diretto e condotto il rotocalco radiofonico quotidiano”Il Paginone”. Grande terza pagina sonora che si occupava di varie tematiche dalla letteratura all'arte, dalle scienze allo spettacolo, dall'attualità culturale alla rievocazione dei grandi eventi storici, Il Paginone è stato un preciso punto di riferimento per quelle centi­naia di migliaia di ascoltatori che volevano crescere intellettual­mente e tenersi aggiornati nei vari settori del sapere.Ha ideato centinaia di programmi radiofonici tra i quali la trasmissione cult "Lampì" per Radiotre.Successivamente è stato direttore della programmazione culturale di RadioRaí. Per la sua attività radiofonica ha ricevute numerosi premi e la Garzantina della Radio gli ha dedicato "una voce". Proprio per la sua vasta esperienza in questo settore, è stato chiamato dall'Università di Roma La Sapienza a tenere corsi, lezioni sulla comunicazione radiofonica e i suoi linguaggi. Dopo i suoi esordi su riviste prestigiose come "il Mondo" di Mario Pannunzio, "Tempo presente" di Ignazio Silone e Nícola Chiaromonte; “Nord e Sud” di Francesco Compagna, ha collaborato con il Giornale di Brescia e altri. Ha pubblicato vari libri tra cui  “L’uccello di Chagall”, romanzo finalista del Premio Viareggio, per l’opera prima nel 1983. Il libro-inchiesta “Verso il terzo millennio”; quindi i romanzi “Bolero” e “Il sole dell’avvenire”. Importante anche la raccolta di racconti “L’ultima dogana” e “Il letto di Procuste”, fatto di interviste ai maggiori personaggi della cultura del Novecento. (s.b)

 
PRESENTATO IL "LETTORE" MARIO FORTUNATO

Giuseppe Neri, Mario Fortunato, Icilio DisperatiPORTOFERRAIO. Successo del primo incontro del "Caffè letterario" 2009, che fa conoscere i testi finalisti del premio dedicato alla memoria di Raffaello Brignetti; Mario Fortunato si è rivelato, come hanno fatto con lui i numerosi Vip raccolti nel suo romanzo, intitolato "Quelli che ami non muoiono"(Bompiani). Un collage di incontri con letterati o noti emblemi del modo culturale della fine 900. Davanti ad una Gran Guardia affollata da alcuni giudici lettori e numerosi studenti del commerciale Cerboni, del liceo Foresi, Icilio Disperati, manager del Premio letterario Elba, ha avviato il primo dei tre appuntamenti e Giuseppe Neri, giornalista e scrittore della giuria letteraria guidata da Alberto Brandani, ha introdotto lo scrittore di origine calabrese. Ha detto di una narrazione  frutto delle conoscenze dirette di Fortunato, che in sintesi estrema esprime la gratitudine per le stese conoscenze, conquistate nelle sue esperienze europee. Fatti che hanno permesso all'autore di capire meglio le opere dei suoi interlocutori, ma anche di formarsi nella sua età giovanile. Ecco che nella pagine dell'opera spuntano Moravia, Ginzburg, quindi Einaudi, Dillon e tanti altri, che il membro del Comitato scientifico della Fondazione Ratti ha amato oppure odiato, in base a come si è sviluppato il rapporto tra lui e i vari soggetti e con i suoi racconti ha inteso renderle ulteriormente immortali i personaggi.

Fortunato ha rivelato che si sente innanzitutto un lettore e in gioventù ha avuto, a partire dagli anni Ottanta, le molteplici conoscenze descritte. "Come accade - ha detto- ad un giovane pittore che si esercita nel riprodurre la Gioconda, io ho avuto sempre più bisogno di passare dalle vesti di lettore a quelle di scrittore". Nel libro ha espresso, senza essere un critico o un docente, le sue impressioni dirette e quindi i suoi giudizi sui vari big di cui è diventato, a vari livelli, amico. "Un testo nato da un trasloco;- ha fatto notare- lasciai l'Inghilterra e in moltepici traslochi raggiunsi la campagna romana. Mi resi conto di possedere documenti, lettere, registrazioni di tanti avvenimenti e ho deciso, alla soglia dei miei 50 anni, di mettere a frutto tutto ciò". Fortunato, ha firmato diversi libri, è stato finalista del Premio Strega nel 2007 , con "I giorni innocenti della guerra" e ha vinto nello stesso anno il Premio Mondello, ed è stato a capo dell’Istituto italiano di cultura a Londra, nonché collaboratore dell'Espresso e di altre testate. Nell'incontro ha risposto a varie domande fatte dai presenti, tra cui Giorgio Barsotti, della giuria letteraria del Premio Elba, Sandra Palombo, poetessa elbana nonché giudice lettore.

 
SECONDO APPUNTAMENTO AL CAFFE' LETTERARIO

Disperati presidente del Comitato Promotore

PORTOFERRAIO. Secondo appuntamento del "Caffè Letterario", alla Gran Guardia, nell'ambito del Premio letterario Elba. Alle 17,30 (23.5) incontro con Giuseppe Neri componente della giuria letteraria del Premio Brignetti, scrittore e giornalista per anni in Radio Rai, autore del "Paginone" e di tante altre iniziative culturali, nonché di libri di successo. Presenterà un altro testo finalista "Inverno alla Grand Central" (Nottetempo) di Lee Stringer, romanzo autobiografico che narra della rinascita dell'ex pubblicitario finito nel tunnel dei senzatetto, fino a diventare affermato scrittore."

 

Un momento importante il "Caffè letterario"- fa notare Icilio Disperati, presidente del Comitato Promotore del concorso elbano intitolato alla memoria di Raffello Brignetti.- Un meeting gestito con il Comune mediceo, aperto a tutti, al quale parteciperanno i giurati popolari che stanno esaminando i tre romanzi che si contendono la vittoria dell'edizione del 2009. Come ogni anno fanno parte della giuria popolare anche classi delle scuole superiori, questa volta coinvolte dalle prof. Barboni, Frola e Catuogno, del liceo Foresi e del Commerciale Cerboni. Il premio letterario deve essere conosciuto nel modo più ampio, quale bene culturale del nostro territorio".

 

 

"Inverno alla Grand Central" (Nottetempo)

Lee Stringer lavorava agli inizi degli anni 80 come copywriter pubblicitario, poi tutto precipita fino all’incontro con la droga e l’alcool. Cade nel fango della strada, a vivere come un senza tetto a New York presso la Grand Central Station. È una storia di crisi e resurrezione, la storia vera dell’autore, semplice ma efficace. L’autore propone ai lettori, le sue difficoltà per poi riuscire a tornare ad una vita migliore grazie alla scrittura. Un ottimo esempio di memoir, con una sorprendente nuova immagine di New York.

Lee Stringer lavorava agli inizi degli anni 80 come copywriter pubblicitario, poi tutto precipita fino all’incontro con la droga e l’alcool. Cade nel fango della strada, a vivere come un senza tetto a New York presso la Grand Central Station. È una storia di crisi e resurrezione, la storia vera dell’autore, semplice ma efficace. L’autore propone ai lettori, le sue difficoltà per poi riuscire a tornare ad una vita migliore grazie alla scrittura. Un ottimo esempio di memoir, con una sorprendente nuova immagine di New York.

 
SECONDO APPUNTAMENTO DEL CAFFE' LETTERARIO

Il Caffè letterario dello scorso anno

PORTOFERRAIO. Secondo appuntamento del "Caffè Letterario", alla Gran Guardia, nell'ambito del Premio letterario Elba. Alle 17,30 (23.5) incontro con Giuseppe Neri componente della giuria letteraria del Premio Brignetti, scrittore e giornalista per anni in Radio Rai, autore del "Paginone" e di tante altre iniziative culturali, nonché di libri di successo. Presenterà un altro testo finalista "Inverno alla Grand Central" (Nottetempo) di Lee Stringer, romanzo autobiografico che narra della rinascita dell'ex pubblicitario finito nel tunnel dei senzatetto, fino a diventare affermato scrittore."Un momento importante il "Caffè letterario"- fa notare Icilio Disperati, presidente del Comitato Promotore del concorso elbano intitolato alla memoria di Raffello Brignetti.- Un meeting gestito con il Comune mediceo, aperto a tutti, al quale parteciperanno i giurati popolari  che stanno esaminando i tre romanzi che si contendono la vittoria dell'edizione del 2009. Come ogni anno fanno parte della giuria popolare anche classi delle scuole superiori, questa volta coinvolte dalle prof. Barboni, Frola e Catuogno, del  liceo Foresi e del Commerciale Cerboni. Il premio letterario deve essere conosciuto nel modo più ampio, quale bene culturale del nostro territorio".

 

"Inverno alla Grand Central" (Nottetempo)

Lee Stringer lavorava agli inizi degli anni 80 come copywriter pubblicitario, poi tutto precipita fino all’incontro con la droga e l’alcool. Cade nel fango della strada, a vivere come un senza tetto a New York presso la Grand Central Station. È una storia di crisi e resurrezione, la storia vera dell’autore,  semplice ma efficace. L’autore propone ai lettori, le sue difficoltà per poi riuscire a tornare ad una vita migliore grazie alla scrittura. Un ottimo esempio di memoir, con una sorprendente nuova immagine di New York.

 

 

 

Lee Stringer lavorava agli inizi degli anni 80 come copywriter pubblicitario, poi tutto precipita fino all’incontro con la droga e l’alcool. Cade nel fango della strada, a vivere come un senza tetto a New York presso la Grand Central Station. È una storia di crisi e resurrezione, la storia vera dell’autore,  semplice ma efficace. L’autore propone ai lettori, le sue difficoltà per poi riuscire a tornare ad una vita migliore grazie alla scrittura. Un ottimo esempio di memoir, con una sorprendente nuova immagine di New York.

 

 

ALLA GRAN GUARDIA SI PARLA DI PREMIO LETTERARIO

PORTOFERRAIO. Primo appuntamento del “Caffè letterario” organizzato dal Comitato Promotore del Premio Elba, unitamente al Comune di Portoferraio, Apt dell’Arcipelago Toscano, con la collaborazione di Regione Toscana e Provincia di Livorno. E’ fissato per il 22 alle 17,30 , alla Gran Guardia ad ingresso libero, un incontro di analisi dei tre romanzi finalisti del concorso, intitolato alla memoria di Raffaello Brignetti. Si parte con l’opera di Mario Fortunato, "Quelli che ami non muoiono“ (Bompiani) romanzo che fa scoprire debolezze e virtù di noti personaggi di livello internazionale, per proseguire il giorno seguente, stesso luogo e ora, con il libro "Inverno alla Grand Central" di Lee Stringer (Nottetempo), un testo che narra la storia dello stesso autore, che viveva come un emarginato, in preda alla droga, un senzatetto che però poi è riuscito a uscire dal tunnel per diventare affermato scrittore.Entrambe le opere saranno presentate da Giuseppe Neri, componente della giuria letteraria del Premio Brignetti, scrittore e giornalista per anni in Radio Rai, autore del "Paginone" e di tante altre iniziative, nonché di libri di successo."Un momento importante - fa notare Icilio Disperati, presidente del Comitato Promotore.- Un meeting per tutti, al quale parteciperanno i 45 giurati popolari  che stanno esaminando i testi finalisti. Tra essi tre classi delle scuole superiori, delle prof. Barboni, Frola e Catuogno, del  liceo Foresi e del Commerciale Cerboni. Il premio letterario deve essere conosciuto nel modo più ampio, quale bene culturale del territorio".

Il 29 maggio, con medesime modalità, sarà la volta dell' altro finalista: Giorgio Montefoschi con "Le due ragazze con gli occhi verdi" edito da Rizzoli, presentato da Marino Biondi, pure lui della giuria letteraria del Premio Elba, diretta da Alberto Brandani.

 
CAFFE' LETTERARIO, PER CONOSCERE I ROMANZI FINALISTI DEL PREMIO ELBA
PORTOFERRAIO. 45 giudici lettori al lavoro per l'esame dei tre testi, che si contendono il titolo del Premio letterario Elba 2009,  romanzi firmati da Fortunato, Montefoschi (già finalista nel 2004) e Stringer. Intanto Icilio Disperati, presidente del Comitato Promotore, ha stabilito le date degli incontri del "Caffè letterario", la manifestazione che consentirà, con meeting ad ingresso libero alla Gran Guardia, di scoprire ogni aspetto dei libri prescelti dalla giuria letteraria diretta da Alberto Brandani."Il 22, 23 e 29 maggio - segnala il direttore dell'Apt, che sarà moderatore nei vari appuntamenti- chiunque potrà approfondire la conoscenza dei romanzi finalisti, e senza dubbio saranno presenti, come negli anni scorsi, i giudici lettori, quelli della giuria tecnica, scolaresche e gli amanti della letteratura contemporanea. Abbiamo avviato questo appuntamento per arricchire l'offerta culturale del Premio Brignetti, favorendo lo sviluppo del dialogo con la gente ed anche la conoscenza del nostro territorio da parte degli stessi letterati". Ogni incontro si terrà alle 17,30 e il 22.5 avvierà il" Caffè letterario" Mario Fortunato, autore di "Quelli che ami non muoiono" (Bompiani), romanzo che fa scoprire debolezze e virtù di noti personaggi di livello internazionale. Il giorno dopo sarà il turno di Silvia Ronchey, docente di Civiltà bizantina all'Università di Siena, nonché giornalista  de La Stampa, Panorama, che fa parte della nostra giuria. Presenterà il volume di Lee Stringer "Inverno alla Gran Station" (Nottetempo), un testo che narra la storia dello stesso autore, che viveva come senzatetto riuscendo poi a diventare affermato scrittore. Infine il 29 Marino Biondi, anche lui della giuria letteraria, docente all'università di Firenze di Storia della critica e della storiografia letteraria, tratterà  "Le due ragazze dagli occhi verdi"(Rizzoli) scritto da Giorgio  Montefoschi, un romanzo dedicato a storie d'amore intense, ricche di colpi di scena e sensi di colpa. Le scolaresche che aderiranno all'esperienza partecipando agli incontri, faranno parte della giuria popolare con diritto di voto e riceveranno i testi in concorso.
 
TRE ROMANZI IN LIZZA PER IL PREMIO 2009

PORTOFERRAIO. Concluso il lavoro della giuria letteraria, guidata da Alberto Brandani, che ha definito i tre finalisti della trentasettesima edizione del premio letterario internazionale isola d'Elba, intitolato alla memoria di Raffaello Brignetti. Scelti due romanzieri italiani che se la vedranno con un collega americano, per la conquista del concorso creato da Rodolfo Doni nel 1962. Si tratta di Mario Fortunato, autore di "Quelli che ami non muoiono" (Bompiani), Giorgio Montefoschi, che ha scritto "Le due ragazze con gli occhi verdi"(Rizzoli) e quindi "Inverno alla Grand Central" (Nottetempo) firmato da Lee Stringer. Il lavoro della giuria quest'anno è stato certamente più complesso, visto l'alto numero di partecipanti al premio letterario isolano, ritenuto da molti, uno dei più importanti d'Italia. Sono stati, infatti, 120 i testi giunti al Comitato promotore, diretto da Icilio Disperati o alla giuria tecnica composta di 15 tra letterati e giornalisti. Adesso l’analisi dei testi prosegue con l'esame da parte dei 45 giudici lettori, chiamati poi a votare il romanzo preferito. Alle soglie di giugno si tireranno le somme e alle scelte dei giudici popolari si aggiungeranno quelle definitive di ogni membro della giuria letteraria e scaturirà il vincitore. Succederà a "Ravel"(Adelphi) scritto da Jean Echenoz, il transalpino che trionfò nel 2008. La cerimonia di premiazione è prevista per il 20 giugno, sabato sera nella città medicea presso il Teatro napoleonico dei Vigilanti, e il vincitore riceverà l'assegno della Fondazione del Monte dei Paschi di Siena, maggiore sostenitore dell'evento culturale, insieme a Comune di Portoferraio, Apt e altri enti pubblici e privati. "Prima della serata finale, sono ancora previsti -commenta Disperati - gli incontri con l'autore che abbiamo avviato un paio di anni fa, per portare le opere finaliste a contatto diretto con il pubblico, per uno scambio di idee tra autori, le giurie e gli appassionati lettori ed anche gli studenti. Un appuntamento chiamato “Caffè letterario” e quanto prima definiremo le date di questi incontri che si svolgeranno alla Gran Guardia".

 

I TRE ROMANZI FINALISTI

 

"Quelli che ami non muoiono" (Bompiani)

Scenari, geografie reali e geografie degli affetti, il tutto per offrire una seducente,  incursione nel nostro passato prossimo, negli anni in cui il mondo cambiava. Mario Fortunato ci vuol far notare che la scrittura, la memoria, può diventare racconto e dare immortalità alle persone che abbiamo amato. Come in un romanzo. Quindi ci parla di Borges che conosce le persone attraverso le loro mani, Laura Betti che scrive a Tony Blair,  Matt Dillon che telefona per curiosità E così via per altri noti personaggi per tratteggiare la Roma del vento e dei poeti,  oppure Berlino e un Muro che cade insieme a molte granitiche certezze, New York e gli inquilini dei suoi palazzi, e poi Tangeri, Londra.

 

 

Mario Fortunato ha pubblicato i seguenti libri: Luoghi naturali (Tascabili Bompiani), Immigrato (insieme a Salah Methnani, Tascabili Bompiani), L’arte di perdere peso, Amore, romanzi e altre scoperte, Il primo cielo, Sangue e L’amore rimane. Il suo ultimo romanzo I giorni innocenti della guerra (Bompiani 2007, Tascabili Bompiani 2008) è stato finalista al Premio Strega 2007 e vincitore del Premio Mondello e Super Mondello - Città di Palermo 2007.

 

 

 

 

"Le due ragazze con gli occhi verdi" (Rizzoli)

L'eros è il grande protagonista di questo romanzo. Pietro e Laura si sono amati da ragazzi e si rivedono, casualmente, dopo vent'anni, e di nuovo scoppia una passione, anche se Laura è sposata e madre di due figli. Si rendono conto che stanno forzando le loro vite; i sensi di colpa e un evento drammatico chiudono definitivamente la vicenda. Ma dieci anni più tardi il destino si accanisce e Pietro incontra per caso Maria, la figlia maggiore di Laura. E’ la copia della madre e nascono allora attrazioni, sensi di colpa  e la situazione è davvero difficile.

 

 

 

Giorgio Montefoschi (1946) è uno dei maggiori scrittori italiani. tra i suoi romanzi ricordiamo: La casa del padre (1994, Premio Strega), Il segreto dell’estrema felicità (2001), La sposa (2003) e L’idea di perderti (2006).

 

 

 

 

 

 

"Inverno alla Grand Central" (Nottetempo)

Lee Stringer lavorava agli inizi degli anni 80 come copywriter pubblicitario, poi tutto precipita fino all’incontro con la droga e l’alcool. Cade nel fango della strada, a vivere come un senza tetto a New York presso la Grand Central Station. È una storia di crisi e resurrezione, la storia vera dell’autore,  semplice ma efficace. L’autore propone ai lettori, le sue difficoltà per poi riuscire a tornare ad una vita migliore grazie alla scrittura. Un ottimo esempio di memoir, con una sorprendente nuova immagine di New York.

 

 

 

Lee Stringer lavorava agli inizi degli anni 80 come copywriter pubblicitario, poi tutto precipita fino all’incontro con la droga e l’alcool. Cade nel fango della strada, a vivere come un senza tetto a New York presso la Grand Central Station. È una storia di crisi e resurrezione, la storia vera dell’autore,  semplice ma efficace. L’autore propone ai lettori, le sue difficoltà per poi riuscire a tornare ad una vita migliore grazie alla scrittura. Un ottimo esempio di memoir, con una sorprendente nuova immagine di New York.

 
PREMIO ELBA ADESIONI BOOM PER IL 2009

 

 

Il premio Brignetti fa boom Sono oltre 120 i partecipanti

PORTOFERRAIO. Un boom di partecipanti al concorso letterario “Isola d’Elba-Raffaello Brignetti”. Oltre centoventi opere provenienti, in massima parte, dall’Italia, ma anche dagli altri paesi europei sono in lizza per contendersi la targa d’argento raffigurante l’Elba che sarà consegnata al vincitore assoluto.  «La trentasettesima edizione del Brignetti - dice Icilio Disperati, presidente del comitato promotore del premio - ha già un buon motivo per essere ricordato, la massiccia partecipazine degli autori. Segno di quanto è cresciuto il concorso letterario e della sempre più grande importanza che esso sta rivestendo nel panorama culturale non solo italiano, ma continentale».  Intanto il comitato promotore è impegnato nel predisporre le schede degli autori partecipanti che saranno consegnate ai componenti della giuria letteraria. La quale ha in programma di riunirsi verso la seconda decade del mese di aprile a Colle Val d’Elsa (come è abitudine) per effettuare una scrematura dei titoli e arrivare, poi, alla individuazione della terna che sarà sottosposta ai quanranta giudici popolari. I quali concorreranno a proclamare il vincitore durante la prima decade del mese di giugno. Il premio letterario si svolge grazie alla collaborazione del comune e dell’Apt dell’Arcipelago, con Regione, Provincia e Comitato promotore del premio letterario Isola d’ Elba - Raffaello Brignetti.
 
PROCCHIO: UNA SERATA PER RODOLFO DONI

Abbiamo ricevuto dal Comitato cittadino  di Procchio il seguente Comunicato che volentieri pubblichiamo.

PROCCHIO. Appuntamento culturale dedicato a Rodolfo Doni, il fondatore del Premio letterario internazionale isola d’Elba. Un meeting previsto per domenica 27, alle 21 e 30, presso l'ex ristorante dei pittori vicino al "Salotto di Procchio". Il Comitato attua l’evento d’intesa con il Comune retto da Luigi Logi, l’Apt e il Circolo Pertini, nell’ambito delle varie manifestazioni estive gestite dal gruppo di volontari."Ci è parso proprio opportuno- dice Lara Marchiani- presidente del Comitato- coinvolgere Rodolfo Doni, il padre del Premio Brignetti, per far conoscere un personaggio unico, che vive molti mesi all’Elba dal 1949. Un grande scrittore e uomo di cultura, che ha dato molto all’isola d’Elba. Nella serata interverrà anche Jacopo Taddei, giovane sassofonista, recente vincitore di un concorso di livello nazionale: eseguirà due brani all’apertura e alla chiusura della serata. Inoltre lo stesso Doni e Giuseppe Lieto, metteranno in mostra anche alcune loro opere pittoriche". L’ingresso alla manifestazione è libero e conduttore sarà Icilio Disperati, manager del Premio Elba nonché direttore dell’Apt, con lui Stefano Bramanti, addetto stampa del Brignetti e presidente del Circolo culturale Pertini. Aprirà la serata il sindaco di Marciana Luigi Logi.

 

 

 (parte del manifesto)

DOMENICA 27 LUGLIO Ore 21,30

TAVERNA DEI PITTORI NEI PRESSI DEL SALOTTO DI PROCCHIO

RODOLFO DONI
Fondatore del Premio letterario internazionale Isola d’Elba presenta il suo racconto

"Nubifragio sull’isola" edizioni Ares

 
SERATA SWING PER ECHENOZ VINCITORE DEL PREMIO ELBA 2008

La serata conclusiva della 36^ edizione del Premio Letterario Isola d’ Elba-Raffaello Brignetti, sabato 14 nella bella e gremita  piazza di Capoliveri, ha confermato il profilo, colto e popolare insieme, della manifestazione nata nel 1962 e considerata – su oltre duemila del genere in Italia – tra le dieci più importanti. Ad essere premiato Jean Echenoz, uno egli scrittori più considerati nell’ attuale panorama francese, autore di una decina di libri che gli hanno fruttato un paio di premi prestigiosi nel proprio Paese.

(nella foto Echenoz, a destra, in piazza Matteotti con il sindaco di Capoliveri Ballerini-foto Lanzoni)

Seguite con interesse e partecipazione   dal pubblico sia le domande  rivolte dai giurati   al vincitore che le risposte dello scrittore francese, circa i rapporti tra scrittura letteraria e musica ( domanda quanto mai appropriata se l’ oggetto è un romanzo sul grande compositore e  ‘scarso pianista’ Ravel), sulla giustezza o meno della regola  - non scritta - sulla  fedeltà assoluta alla partitura musicale da parte dell’ esecutore, sul ruolo complementare di documentazione e   fantasia nella stesura dell’ opera che indaga gli ultimi dieci anni di vita dell’autore del Bolero a partire dalla fine del 1927, un periodo di grandi cambiamenti sociali e culturali che, ha rivelato Echenoz, era all’ inizio l’ oggetto centrale del libro che voleva scrivere.

Ne è uscito così  un ‘ Ravel parallelo ‘, dandy pigro e misogino quanto basta, un ‘ genio senza qualità’ ma pur misteriosamente umanissimo, reso tale da una scrittura essenziale e ironica che, trattandosi di  una traduzione, deve molto anche alla capacità che avuto Giorgio Pinotti (editor,  oltre che traduttore, di Adelphi per i cui tipi è uscito ‘Ravel’ nel 2007 )  nel trattare il materiale linguistico; doti sottolineate nelle motivazioni della giuria da parte del suo Presidente, Alberto Brandani.. Bilancio positivo della manifestazione, inoltre,  da parte  del neo Presidente del Comitato promotore del Premio , Icilio Disperati, per la piena collaborazione di tutti i soggetti interessati, a partire dal Comune di Capoliveri.

Leggera  e divertente la conduzione della serata da parte di Stefano  Masciarelli,  sia nella parte del finto intimidito alle prese con la Cultura Letteraria che nella seconda parte della serata con la sua big band di ottimi musicisti,  capaci di far ballare, o almeno battere le mani, a gran parte del pubblico. Una 36^ edizione swing, insomma.

Ufficio Stampa Apt Arcipelago Toscano

 

La motivazione della giuria

Ravel è un romanzo cui si accede per la porta stretta, dagli esigui margini, della biografia letteraria. La vita del grande musicista francese, genio senza qualità dal carattere enigmatico, viene narrata con una tecnica rigorosa, a tagli squadrati e secchi come sulla materia di una pietra dura, un diamante sfaccettato e scintillante.Ravel è un personaggio ricostruito in una dimensione parallela a quella della vita che fu, nella scansione di alcuni eventi: il viaggio in America, la composizione del Bolero, la controversia con Paul Wittgenstein, il pianista dal braccio d’oro, il successo planetario, l’indifferenza alla fama, la progressiva malattia, la psicologia deserta di affetti e sentimenti, eppure stranamente misteriosamente umanissima.Un romanzo che è una sfida alla verità imperscrutabile delle vite che sono state grandi e che pure sembrano non avere lasciato tracce, se non nella letteratura.

 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 Succ. > Fine >>

Pagina 16 di 19

Bando Edizione 2020

Il Volume storico del Premio Letterario Internazionale Isola d'Elba - R. Brignetti

 

Sponsor

 

I cookie ci permettono di migliorare la tua esperienza utente. Continuando a navigare su questo sito, accetti il loro impiego. Maggiori informazioni.

Io accetto